cosa vendere su internet

Cosa vendere su internet

In un mondo sempre più connesso le opportunità di business non mancano di certo. La rete poi resta sempre il canale migliore per cercare di imbastire affari. Non esiste, del resto, altro strumento che dà la stessa possibilità di raggiungere potenziali clienti in tutto il mondo in un solo clic. Ma cosa vendere su internet? Ecco qualche consiglio.

Cosa vendere su internet: accessori per smartphone

E’ sicuramente vero che la concorrenza di marketplace come Amazon o eBay si fa sentire in tutti gli ambiti. Ma se volete consigli su cosa vendere su internet sappiate che gli accessori per smartphone godono sempre di un vasto mercato.
La gamma di prodotti da commercializzare in merito è piuttosto ampia. Si va dalle classiche cuffiette ai caricabatteria passando per le cover, parti di ricambio e le sempre più richieste Power Bank la cui domanda negli USA si stima frutterà in futuro un mercato da 17 miliardi di dollari.
Certo, i margini onestamente non sono altissimi e la concorrenza è alta. Ma la domanda di accessori per smartphone è in forte crescita anche perché stanno diminuendo le vendite di nuovi device. Il che significa che ad aumentare è la necessità di prolungare la vita utile dei dispositivi acquistati.
Se state cercando cosa vendere su internet, dunque, questa è senza dubbio un’ottima alternativa.

Cosa vendere su internet? Sneakers

Le case produttrici di sneakers recentemente stanno sempre più lanciando sul mercato delle capsule disegnate da personaggi famosi dello spettacolo e dello sport che vanno letteralmente a ruba tra i collezionisti e gli appassionati di questo tipo di scarpa. Il motivo?
Si tratta di collezioni prodotte in tiratura limitata le cui scorte vengono in genere polverizzate nel giro di qualche decina di minuti dall’uscita ufficiale nei negozi. Chi riesce ad accaparrarsi un paio di queste ambitissime sneakers è poi in grado di rivenderle online anche a quattro volte il prezzo di acquisto (generalmente compreso tra i 150 ed i 250 euro).

Il Dropshipping

Quando si parla di Dropshipping non si parla di un prodotto ma di un modello di business utile per chi ancora non ha individuato bene cosa vendere su internet.
Con il drop ship infatti il venditore vende al cliente finale un prodotto senza possederlo materialmente in magazzino. In sostanza si tratta di un’intermediazione. Un sistema ottimale per chi è magari in grado di gestire una rete di fornitori locali che non dispongono di un e-commerce e sono a caccia di un canale per aumentare la loro clientela.
Il reale vantaggio è quello di non dover limitare la vendita a una determinata categoria merceologica, non dover sostenere l’investimento iniziale per creare le scorte e ridurre sensibilmente i costi di trasporto. Viene meno infatti la duplicazione tipica della filiera allungata dal momento che sarà direttamente il produttore a inviare il bene al cliente finale.

Cosa vendere online? Contenuti

Può sembrare banale ma i contenuti sono una cosa da vendere online. Qualche esempio? Se avete la passione per la fotografia, non mancano i portali che vi consentono di monetizzare le vostre produzioni artistiche.Così come, ancora, potreste provare a proporre il vostro lavoro ad agenzie specializzate o su qualche Marketplace.
Non solo foto. Anche contenuti testuali, infografiche, video, reportage: la gamma come vedete è molto ampia.

Vendere la propria professionalità

Sempre più in voga sono le piattaforme (i cosiddetti marketplace) che favoriscono l’incontro tra domanda ed offerta di servizi professionali.
Ne esistono ormai di tutti i tipi: generaliste e verticali. Un esempio può essere rappresentato da JustAvv, una piattaforma che aggrega l’offerta di servizi professionali di centinaia di avvocati che coprono tutte le specializzazioni in ambito giuridico consentendo ai clienti di ricevere un preventivo per i servizi legali più disparati.
Oltre alla nota ProntoPro ci sono poi altri marketplace ad esempio per scrittori freelance (Addlance o Melascrivi per citarne alcune), piattaforme per architetti o ancora Habitissimo, un portale che aggrega l’offerta di servizi per le ristrutturazioni domestiche.
Insomma, se siete dei professionisti sappiate che le vostre competenze rappresentano una cosa da vendere online.

Cosa vendere Online: i ricambi

Quello dei ricambi (non solo per smartphone) è un mercato evergreen. Anche qui ce n’è per tutti i gusti.
C’è infatti in rete un florido mercato per la compravendita di ricambi per oggetti tecnologici (televisori, tablet, etc.), elettrodomestici e addirittura autovetture e motoveicoli. Anzi, è forse proprio questo uno dei segmenti più redditizi.
Chi è appassionato di meccanica, ad esempio, potrebbe lanciarsi nella compravendita di pezzi di ricambi per auto e moto ipotizzando magari un modello di business ibrido. L’acquisto a basso costo di veicoli incidentati è infatti in genere un’operazione che consente di recuperare pezzi utili per essere venduti in rete come ricambi ottenendo per altro un’alta marginalità.

La vendita di oggetti usati o da collezione

Anche in questo caso siamo in uno dei campi classici quando si parla di cosa vendere online. Gli oggetti usati o meglio ancora gli oggetti da collezione rappresentano infatti in genere il primo prodotto proposto da chi approccia il mercato delle vendite online.
Oltre a libri e vestiti, un segmento che gode di una domanda crescente è quello dei complementi di arredo. Specialmente se vintage.
Se avete poi qualche oggetto da collezione di cui volete disfarvi il mercato dei collezionisti è un po’ come New York: non dorme mai. Oltre che per vendere la rete è un ottimo canale anche per capire se il prodotto e le sue caratteristiche sono idonee agli standard di un fanatico e dunque anche a stimare il relativo prezzo di vendita.
Prima di lanciarvi in una trattativa, però, il consiglio che vi diamo è quello di consultare sempre uno specialista così da evitare cattivi affari.

Cosa vendere su internet: qualche consiglio generale

Quando si valuta cosa vendere su internet bisogna sempre avere presente che così come i potenziali clienti sono raggiungibili in tutto il mondo, allo stesso modo la concorrenza è ovunque. Ecco allora qualche consiglio generale perché le vostre vendite abbiano successo:

–        osservate i trend di mercato;

–        studiate le chiavi di ricerca per categorie e tipologie di prodotto più utilizzate su Google;

–        verificate cosa si vende di più su Amazon  ed eBay (qui un link che fa al caso vostro);

–        puntate se possibile a una nicchia di mercato e cercate di creare una vostra specializzazione.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo con un amico

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *