FATTURA ELETTRONICA COME FARE: LA GUIDA ESSENZIALE


Daniel de Mari

Daniel de Mari

Ciao, sono Daniel de Mari, imprenditore ed investitore immobiliare. Fondo un'azienda, la rendo autonoma, fondo  la prossima. Ho creato questo blog per parlare della mia grande passione (ed ossessione): fare impresa.

fattura elettronica come fare

Apri l'indice dei contenuti

Divenuta obbligatoria per gli imprenditori e professionisti dal 1 gennaio 2019 tranne per chi è incluso nel sistema forfettario, ecco un’utile guida che ha come tema “fattura elettronica come fare”.

Prima di tutto precisiamo che, tra gli oneri, bisogna comunque recapitare o consegnare direttamente al consumatore finale la fattura cartacea o in formato PDF (copia di cortesia). Questo a meno che non sia il consumatore stesso a esonerare l’emittente.

Le imprese e i professionisti devono quindi emettere fatture elettroniche ad altre imprese, altri liberi professionisti (Fattura B2B) o ai consumatori (B2C), tramite software a pagamento o gratuitamente tramite le Camere di Commercio, in formato digitale XML, con pena la nullità del documento.

La scelta del formato è fondamentale, in quanto il formato PDF non è compatibile con la lettura automatica e l’invio di questi tipo di dati.

 

COME FARE FATTURA ELETTRONICA: IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO

La trasmissione delle fatture elettroniche avviene tramite il Sistema di Interscambio, capace di svolgere attività di controllo.

E, in caso di esito positivo, di consegna del documento. Vengono quindi tracciati i dati delle operazioni dei soggetti e le varie transizioni che diventano poi a disposizione dell’Agenzia delle Entrate e Del Ministero dell’Economia e delle Finanze (MEF).

 

COME FUNZIONA IL SISTEMA DI INTERSCAMBIO

  • Conferisce gli accreditamenti al sistema.
  • Gestisce la convalidazione dei flussi dei documenti.
  • Spedisce le fatture all’Ente destinatario.
  • Emette ricevute per notificarne l’esito.

TIPOLOGIE DI FATTURA ELETTRONICA: COME FARE LA FATTURA PA

Le fatture si suddividono in ordinarie, semplificate e PA.

L’obbligo di fatturare elettronicamente è in realtà già obbligatorio da prima del 2019 per quanto riguarda i rapporti con gli Enti Pubblici, per i quali è necessario l’utilizzo di una fattura PA.

Dovendo rispettare i requisiti fondamentali di una fattura elettronica qualsiasi, la fattura PA, con firma digitale obbligatoria, necessita un codice identificativo univoco dell’ufficio destinatario. Oltre al Codice unico di progetto nel caso il documento regoli una cessione di beni o prestazione di servizi in merito per esempio a un bando pubblico.

L’invio avviene poi tramite PEC (Posta Elettronica Certificata).

 

REQUISITI FONDAMENTALI DELLA FATTURA ELETTRONICA

  • E’ necessario assicurarsi che il documento risulti leggibile, e quindi visualizzabile, anche a seguito di conversioni di formato.
  • Il destinatario deve poter constatare che il documento risulti integro, e quindi inalterato.
  • Il destinatario deve poter constatare la certa provenienza del documento da colui che l’ha effettivamente emessa.

Varie tecnologie possono permettere un controllo rapido e preciso di questi presupposti, ma è fondamentale sottolineare una caratteristica portante della fatturazione elettronica, ovvero la Firma Digitale, necessaria solo nelle fatture di tipo PA.

Le informazioni necessarie sono uguali a prescindere dalla tipologia di fattura:

  • I dati personali dell’emittente e del cliente (ragione sociale, Partita IVA, codice fiscale, indirizzo legale);
  • Dati della fattura (data e numero di emissione, importi e aliquote IVA ed eventuali esenzioni, eventuale applicazione della cassa professionale o dello Split Payment, abolito dal 2018 per i professionisti);

Con ‘cassa professionale’ si intende un ente gestore in merito al servizio di previdenza obbligatoria per i liberi professionisti.

Con ‘Split Payment’ si intende la scissione dei pagamenti riguardanti le operazioni nei riguardi della pubblica amministrazione, poiché gli enti pubblici corrispondo l’IVA direttamente allo Stato al posto di rivolgersi all’impresa.

  • Causale.
  • Dati del contratto ( assieme al codice GIP e CUP, ma solo se nelle fatture PA si tratta di opere pubbliche o finanziamenti comunitari).

ULTERIORI RICHIESTE

  • Sconti e maggiorazioni.
  • Compilazione del campo Articolo 73, necessario per i documenti regolati dal decreto che permette l’emissione di più documenti con lo stesso numero progressivo.

Dati su:

  • Pagamento di bolli.
  • Ritenuta d’acconto con causale.
  • Ordine di acquisto.
  • Eventuali convenzioni.
  • Documento di trasporto (DDT) e operazioni accessorie.
  • Avanzamento lavori (SAL).
  • Veicoli, come la prima immatricolazione e il totale percorso.
  • Fatture collegate.
  • Di pagamento, come il codice Iban e bancari/postali, il beneficiario, i termini e scadenza di pagamento, data di decorrenza e importo di penali, sconti per pagamenti anticipati ed eventuali allegati.

 

FATTURA ELETTRONICA COME FARE: REGISTRAZIONE ALL’AGENZIA DELLE ENTRATE

Ma come fare una fattura elettronica concretamente?

Il primo step è chiaramente la registrazione presso il sito dell’Agenzia delle Entrate, selezionando la voce ‘Area Riservata’ e successivamente ‘Registrazione’.

Successivamente all’inserimento di alcuni dati, verrà fornito un codice PIN che permette di accedere all’area personale, composto da sole 4 cifre, mentre le rimanenti saranno spedite tramite posta elettronica entro due settimane per motivi di sicurezza. Fa eccezione un eventuale possessore della Carta Nazionale dei Servizi che riceveranno un PIN completo.

 

I DATI PERSONALI RICHIESTI

  • Ultima dichiarazione dei redditi
  • Codice fiscale.
  • Soggetto col quale è stata presentata la dichiarazione, che siano le Poste piuttosto che l’Agenzia delle Entrate stessa.
  • Il reddito complessivo in unità di Euro senza punti o decimali.

E’ possibile effettuare il procedimento anche tramite l’app dell’Agenzia delle Entrate o recandosi personalmente/tramite delegato.

Un’alternativa può essere rappresentata dall’ID SPID, un’identità digitale che permette l’accesso al servizio delle Agenzie delle Entrate, così come al resto dei servizi pubblici online, con modalità differenti in base al livello di identità richiesto. ID e password stabilite dall’utente per il primo, password valida per ogni servizio assieme ad una momentanea per il singolo servizio per il secondo, e autenticazione tramite Smart Card e password per il terzo.

L’Agenzia per l’Italia digitale (Agid) fornisce questo tipo di identità digitale, che può essere richiesto a diversi gestori, comprese le Poste.

Il Provider dell’identità può essere cambiato, oltre alla possibilità di avere più identità.

 

FATTURA ELETTRONICA COME FARE: PROCEDIMENTO E INVIO

Dopo aver ricevuto il PIN completo, si inseriscono le credenziali e ci si reca nella sezione ‘Scrivania’ per scegliere il servizio necessario fra i vari disponibili.

Tramite l’area personale, sarà ora possibile sia mandare che ricevere fatture elettroniche.

Per generarne una è necessario accedere alla sezione ‘Fatture e Corrispettivi’ e scegliere la tipologia di fattura. Per fare ciò si può accedere direttamente tramite il sito Iva Servizi e previa autenticazione.

  • Selezionare la voce ‘Generazione’.
  • Successivamente la voce ‘Crea nuovo file’.
  • Scegliere il tipo di fattura necessario.
  • Inserimento dei dati.

La conferma avverrà dopo aver confermato la totale assenza di errori nella sezione riepilogativa. Per eventuali correzioni, ci si può recare sulla voce ‘Riabilita’, e successivamente ‘Controlla File’.

In seguito alla dicitura di superamento dei controlli del Sistema Ricevente, il salvataggio in formato XML sarà possibile.

Si procede quindi al salvataggio nel computer per la firma digitale.

Successivamente, cliccando su ‘Invia’, sarà possibile ricevere la conferma della trasmissione avvenuta con data, ora e codice ID del documento, e la possibilità di monitoraggio nell’area personale.

 

COME OTTENERE LA FIRMA DIGITALE?

Per poter usufruire della firma digitale è necessario servirsi di un dispositivo quale la Smart Card, o una USB contenente un certificato digitale di sottoscrizione garantito da certificatori, comprese le Poste. Necessario inoltre un software come “Dike” o “Firma Certa”.

Ne consegue che sia necessario un contratto con l’ente certificatore, motivo per il quale il servizio è a pagamento.

La firma digitale ha una validità triennale, e viene trasferita tramite la sezione ‘Trasmissione’ ed inserendo il file in formato XML. Bisogna poi firmare il documento digitando il PIN conferitoci assieme al dispositivo di firma.

La firma digitale effettuata verso un’impresa, professionista o privato, implica l’effettuazione da parte del sistema d’interscambio di:

  • Effettuare la verifica di autenticità della firma;
  • Verificare l’integrità per garantire l’assenza di modifiche successive alla firma;
  • Controllare che il certificato di firma non sia scaduto o revocato, o non affidabile.
  • Controllo di mancanze di riferimenti temporali

In caso di esito negativo, la fattura verrà scartata, e quindi non può essere considerabile come emessa.

 

COME FARE FATTURA ELETTRONICA: IL MONITORAGGIO

Il monitoraggio è visibile nella sezione ‘Fatture e corrispettivi’, o su Sdi.fatturaPa.gov.it nella sezione ‘Strumenti’ nel caso si trattasse, appunto, di una fattura PA.

Nel caso delle fatture ordinarie si ha la possibilità di controllare, sigillare e inviare il file tutto direttamente nella schermata finale.

Inoltre, non essendo obbligatoria la firma digitale, nel caso mancasse la fattura viene emessa senza alcuna verifica di autenticità, non venendo attivati i controlli.

Nella sezione ‘Fatture e corrispettivi’, si potrà accedere inoltre al ‘Monitoraggio dei file trasmessi’ per controllare le fatture B2B, spostandosi poi sulla voce ‘File fattura’ e sulla maschera di ricerca di ogni fattura emessa, individuabile in 4 modi possibili.

 

RICERCA DI FATTURE EMESSE

Avviene tramite questi metodi:

  • Identificativo Sdi.
  • Identificazione fiscale o del trasmittente o del destinatario.
  • Stato del file.
  • Data di invio della fattura.

COME RICEVERE UNA FATTURA ELETTRONICA?

Ricevere una fattura elettronica è possibile attraverso una casella di posta elettronica certificata (Pec), tramite un indirizzo comunicato al fornitore. A meno che essa non possa venire spedita a chi gode di accreditamento ai canali SdiCoop o SdiFtp, i quali detengono dei canali dedicati.

Sempre dalla voce ‘Fatture e corrispettivi’, recandosi su ‘Registrazione delle modalità prescelte per la ricezione delle fatture’, sarà possibile indicare il metodo di ricezione delle fatture elettroniche. Si utilizzano appositi canali offerti anche da intermediari o software, o tramite Pec, in entrambi i casi con un codice personale.

Sempre all’interno della voce è inoltre presente la sezione ‘Generazione WR Code partita Iva”. Si creerà appunto un codice QR che permetterà al fornitore di leggerlo con l’apposita applicazione in modo tale da acquisire ogni dato utile al procedimento di fatturazione.

Per quanto riguarda i consumatori finali e gli aderenti al regime minimo o forfettario, ricevono la fattura tramite l’area riservata del sito dell’Agenzia. A meno che non si consegni una copia informatica o analogica.

 

COME CONSERVARE UNA FATTURA ELETTRONICA?

 La conservazione delle fatture elettroniche dipende dalla loro categoria e dalla modalità di invio:

  • Tramite il servizio gratuito dell’Agenzia delle Entrate.

L’impresa deve quindi aderire a un accordo pubblicato nell’area riservata del sito web accedendo personalmente o tramite delegato abilitato.

Successivamente si accede alla voce ‘Conservazione’ scegliendo il file fattura da conservare.

Ora tutte le fatture elettroniche emesse e ricevute attraverso Sdi sono automaticamente conservate e disponibili agli utenti per 15 anni anche in caso di decadenza o recesso.

Ogni convenzione dura però 3 anni, perciò per poter continuare a usufruirne bisogna sottoscrivere nuovamente alla scadenza secondo le modalità citate nel portale ‘Fatture e corrispettivi’.

La conservazione manuale è necessaria nel caso in cui l’operatore rinnovi in ritardo la convenzione, tramite upload nello stesso portale.

  • Archiviazione di copie cartacee o digitali per chi non è obbligato all’emissione elettronica.
  • Archiviazione di copie informatiche;

L’archiviazione avviene tramite alcuni formati consentiti: pdf, jpg e txt.

 

QUANDO SI EMETTE LA FATTURA ELETTRONICA?

Chi emette e riceve solo fatture ed effettua o ottiene pagamenti tracciabili sopra il valore di 500 euro ha una riduzione di due anni per i termini di decadenza di accertamento fiscale.

La fattura elettronica può anche essere differita, quindi emessa entro il quindicesimo giorno del mese successivo a quello dell’effettuazione dell’operazione.

E ciò fa in modo che ci sia più tempo disponibile per la trasmissione allo Sdi, ma al momento stesso dell’operazione è necessario rilasciare al cliente un documento di trasporto o di egual valore o efficacia, anche cartaceo.

Non è quindi obbligatorio trasmettere elettronicamente anche il documento di trasporto, ma nella fattura vanno indicati tutti i Dddt a cui il documento fa riferimento.

Il conteggio dell’imposta a debito per quanto riguarda la liquidazione Iva nel mese di effettuazione rimane fermo.

La fattura immediata va emessa entro dodici giorni dal momento dell’effettuazione, ovvero dalla data di stipula se riguarda beni immobili, dalla consegna o spedizione nelle vendite di beni mobili, dal momento differente in cui vengono prodotti effetti traslativi per quanto riguarda alcune specifiche discipline, o dal pagamento del corrispettivo se si tratta di un’erogazione di servizi.

In generale quindi ne consegue che una fattura elettronica non viene trasmessa entro dodici giorni, con altri eventuali cinque giorni in caso di scarto, e se ciò non avviene si incorre in sanzioni, le quali possono essere ravvedute.

 

COME SI ANNULLA LA FATTURA ELETTRONICA?

La fattura elettronica, una volta inviata allo Sdi e quindi non scartata, si considera emessa, e quindi non più modificabile. La correzione necessita una nota di variazione, di credito o di debito.

Nel caso la fattura sia errata ma non ancora inviata all’Sdi, si modifica la fattura senza impedimento alcuno, potendola contrassegnare con lo stesso numero.

Quando lo Sdi invia la notifica riportante la natura di eventuali errori, la  metodologia di correzione non è sempre immediatamente comprensibile. Il sistema riporta infatti solamente un codice errore tecnico, e non indica cosa fare per rimediare.

 

E COME SI INTEGRA?

Per quanto riguarda l’integrazione, ogni qual volta che l’ammontare imponibile dell’operazione o dell’imposta aumenta per qualsiasi motivo, anche a causa di rettifica di eventuali errori, è necessaria l’emissione di una fattura integrativa riguardante l’ammontare.

Attenzione a non inviare la stessa fattura due volte, condizione in cui il sistema d’interscambio provvede a rilevare l’errore e rifiutare l’invio in autonomia.

Ciò succede nel caso esso rilevi gli stessi numeri identificativi, anno di emissione o numero di protocollo, ovvero il numero di registrazione che propone il sistema di contabilità.

Nell’eventualità in cui la doppia fattura non venga scartata, il trasmittente non ha la facoltà di annullarla. Ma è necessario che emetta una nota di credito con funzione di storno della fattura, indicando la duplicazione nella causale del documento.

I VANTAGGI DELLA FATTURAZIONE ELETTRONICA

  •  Esonero di presentazione di Blacklist, Spesometro e contratti stipulati da società di leasing;

Con ‘Blacklist’ si intende una lista nazionale e internazionale contenente i Paesi con i regimi fiscali che gli conferiscono la nota denominazione di “Paradisi Fiscali”.

Con ‘Spesometro’ si intende la comunicazione che devono presentare i soggetti passivi dell’IVA ogni anno all’Agenzia delle Entrate.

  • Esonero di comunicazione degli acquisti di beni da San Marino, dalla presentazione dei modelli Intrastat per gli acquisti di beni intracomunitari e dal visto di conformità e garanzia per i rimborsi IVA.
  • Accesso prioritario ai rimborsi IVA.
  • Riduzione di un anno dei termini di scadenza della notifica degli accertamenti.
  • Nessuna necessità di registrare i corrispettivi, essendo memorizzati.
  • Nessuna necessità di rilasciare ricevute o scontrini.
  • Assistenza fiscale per i contribuenti minori.

Va inoltre ricordata la possibilità di emettere una fattura elettronica a un privato, consumatore finale o professionista di regime minimo o forfettario, senza la partita Iva.

Durante il procedimento di creazione della fattura, ci si recherà quindi nella voce ‘Codice Destinatario’ inserendo un codice formato da 7 zeri al posto delle 7 cifre sparse usuali.

Lo stesso codice è utilizzabile nel caso di destinatari aziendali o professionisti che hanno scelto la ricezione della fattura tramite Pec.

Inoltre, gli operatori Iva in regime di contabilità semplificata che emettono solo fatture, non devono più tenere i registri Iva. E gli operatori, così come i consumatori finali possono ottenere una copia della fattura elettronica emessa o ricevuta grazie al portale ‘Fatture e corrispettivi’.

 

 

Spread the love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *